Legge Elettorale La Prova Dei Fatti.

Con soli 10 voti di scarto non è passato l’ultimo emendamento che consentiva di introdurre le PREFERENZE. L’emendamento prevedeva le preferenze di genere facoltative. Ossia potendo esprimere due preferenze si dava la possibilità di scegliere o un uomo o una donna o un uomo e una donna. Non era il nostro emendamento ideale ma l’abbiamo votato perché era l’ultima possibilità di introdurre le preferenze e vista la battaglia che le donne del PD hanno fatto ieri per i seggi obbligatori delle donne ci sembrava logico che votassero a favore. Nel corso della discussione una deputata del PD ha detto che “non era possibile addossare alle donne del PD la responsabilità di fare saltare l’accordo“. Ossia l’accordo fatto da Renzi con Berlusconi che invece le preferenze non le vuole. Noi lo abbiamo detto subito dopo che un accordo se salta si può anche riformulare, una legge invece se è fatta male non è possibile rifarla ( se non dopo anni di svilimento del processo democratico di formazione delle camere). Se queste sono le donne del PD che non si assumono la responsabilità di fare saltare un accordo “malato” mi sembra evidente che non possano neanche assumersi la responsabilità di governare questo paese stando dentro un partito che arriva a mortificarle in questa maniera.   Meditate gente.

di Giulia Grillo Cittadina a 5 Stelle

Pubblicato in Senza categoria Taggato con: , , , , ,

Rispondi