L’isola (ecologica) che non c’è ..

12289483_10208187899725004_6878773785427901834_n

Seconda stella a destra questo è il cammino e poi dritto, fino al mattino, poi la strada la trovi da te, porta all’isola che non c’è.
E a pensarci, che pazzia, è una favola, è solo fantasia e chi è saggio, chi è maturo, lo sa, non può esistere nella realtà!….

Cosi cantava in una famosissima canzone Edoardo Bennato e sulle sue note ci siamo messi alla ricerca fra briciole e tracce sparse qua e là della documentazione per la realizzazione della seconda isola ecologica nel nostro comune che dovrebbe sorgere in via G. Cesare ed ecco la cronologia:

L’idea dell’opera prende forma con la Delibera di giunta n. 109 del 7/11/13 con la quale l’allora amministrazione del compianto Sindaco Ferdinando Allocca approvò il progetto di una seconda isola ecologica da costruire in via Giulio Cesare.
A distanza di due anni, il 27 gennaio 2015, il comune, stavolta guidato dal Sindaco Pasquale Piccolo, stipula una convenzione con la Regione Campania per ottenere un cofinanziamento finalizzato alla costruzione dell’isola ecologica. Il costo totale dell’opera sarebbe stato di euro 364.500 euro di cui il comune ne avrebbe dovuti stanziare 74.292.
Con la delibera del consiglio del 13/2/2015 l’assise cittadina conferma la delibera del 7 novembre 2013 con 20 voti favorevoli e i 3 astenuti in quota pd;
Con grande sorpresa però in sede di approvazione di bilancio preventivo veniva constatata l’assenza dei 74.292 euro che il comune avrebbe dovuto stanziare per la costruzione dell’isola ecologica (epico è stato lo scontro fra i Moderati e la loro stessa maggioranza);
Per ovviare al mancato stanziamento dei fondi e tentare recupero in extremis della cifra con la delibera di giunta n. 103 del 18/09/2015 si approva la variazione per far rientrare in bilancio la cifra di cui sopra. vale la pena ricordare che questa delibera per avere efficacia sarebbe dovuta passare per l’assise comunale entro 60 giorni dalla sua approvazione (cosa mai avvenuta);
Ma veniamo ai giorni nostri: con la delibera di giunta n. 117 del 24/11/2015 l’amministrazione del fare ” con la sua nuova giunta, peraltro ancora incompleta, revoca la delibera di cui sopra adducendo che la Regione avrebbe chiesto al comune la disponibilità di tutti i 364.500 euro ossia la disponibilità alla piena anticipazione della spesa al 100%, pena la revoca del finanziamento ed il recupero delle somme eventualmente già erogate a titolo di anticipazione.

L’ennesimo disastro! La città di Somma Vesuviana perde il cofinanziamento Regionale per la costruzione della seconda isola ecologica. I cittadini sommesi perdono una grossa opportunità che avrebbe senz’altro dato molteplici utilità :

l’aumento della percentuale della raccolta differenziata;
la riduzione della tanto famigerata TARI;
l’incasso da parte del comune di grosse somme di denaro;
la creazione di posti di lavoro.

Quello che ci rimane è il senso di abbandono e delusione per aver perso un’ opportunità, ma qualche domanda ce la facciamo:

Come mai questa retromarcia su tale opera?
Come mai in sede di approvazione del bilancio preventivo non furono stanziati i fondi necessari alla realizzazione dell’opera?
L’isola ecologica c’entra qualcosa con la crisi politica che ha attanagliato la nostra città?
E’ stato opportuno nominare all’ecologia uno degli assessori assenti alla approvazione della delibera di variazione di bilancio del 18/9/2015?

Domande che, presumibilmente, non avranno mai una risposta…. l’unica cosa certa è che i cittadini sommesi vengono, ancora una volta, penalizzati da una pessima amministrazione, che invece di pensare al bene della città litiga con se stessa…. che la poltrona sia stata fatta salva proprio su quest’opera?…

Ebbene noi resteremo sulle stesse note cercando di non farci distrarre dalle solite canzonette.

E ti prendono in giro se continui a cercarla, ma non darti per vinto perché chi ci ha già rinunciato e ti ride alle spalle forse è ancora più pazzo di te!

Pubblicato in Operazione Trasparenza Taggato con: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi